Nicola Piovani

Martedì 18 Agosto ore 21.30 SULMONA / Abbazia di S. Spirito al Morrone “Aspettando Ovidio 2017”

Nicola Piovani in “Concerto in Quintetto”

con: Nicola Piovani, pianoforte. Marina Cesari, clarino/sax. Pasquale Filastò, violoncello/chitarra. Cristian Marini, batteria/percussioni/fisarmonica. Andrea Avena, contrabbasso

Musiche: Nicola Piovani.


Il “Concerto in quintetto” propone brani scritti per il cinema, per il teatro, per concerto, appositamente rivisitati, riarrangiati da Nicola Piovani in versione da piccolo gruppo di solisti, fra i quali spicca innanzitutto il ruolo del pianoforte, suonato dall’autore.

Il repertorio è quello che viene dal cinema dei Taviani, di Moretti, di Benigni, di Fellini. Un concerto nato anche con l’idea di fondo di mostrare al pubblico i fabbricatori di suono, quelli che al cinema non si vedono mai e che anche il teatro, talvolta, nasconde nel buio del golfo mistico.  Una fascinazione antica, un gioco sospeso continuamente tra sogno e memoria.

Rispetto ai concerti di ampio organico orchestrale, il “Concerto in quintetto” è anche una riflessione più intima e flessibile, un concerto che molto punta sulla cantabilità dei singoli strumenti – il sassofono, il violoncello, la fisarmonica – ma anche sulla duttilità ritmica di un organico agile, che permette all’invenzione solistica di rivelare lati nascosti fra le pieghe di partiture destinate all’origine a un repertorio corale, collettivo.

Da un repertorio di quasi centocinquanta film ha estratto un riepilogo del tutto provvisorio e inevitabilmente lacunoso. Un’autobiografia musicale da cui non potevano essere escluse le composizioni nate per il teatro.

Parlando il linguaggio della musica come un esperanto, Concerto in quintetto ha sperimentato come in teatro ogni sera sia diversa dalla precedente, ma anche come in ogni parte del mondo il pubblico si somigli e dimostri le stesse reazioni. Di replica in replica, l’allestimento si è modificato, si è adattato alle platee che lo hanno applaudito prendendone la forma come un vestito indossato. Tanto da poter dire che anche il pubblico è, a suo modo, coautore di Concerto in quintetto.